Archivio mensile:luglio 2014

un post che ho scritto su fb riguardo un post de “il post”, aka “luca sofri merda” – r.

C’è un raggelante articolo del Post [1] in cui, con inoppugnabile metodo statistico tratto da “Le coppie” dei Cani, [2] viene spiegato bene come l’esercito israeliano, invece di uccidere indiscriminatamente tutti gli abitanti di Gaza (come “potrebbe fare”), dimostri particolare attenzione verso i civili; questo in quanto, in un territorio in cui i minori di 14 anni sono il 50% della popolazione, solo il 20% circa delle vittime fa parte di questa fascia d’età.

Oltre ad essere una fantastica dimostrazione di come interpretare dati da una scrivania prendendo in considerazione il contesto che si preferisce porti sempre a conclusioni fai-da-te, è anche una buona giustificazione per il fallimento delle vostre diete e vi consiglio di riciclarla.

Sono sempre stato affascinato dalla storia e dalla cultura di Israele, considero gran parte delle argomentazioni usate per ritrarlo come un covo di plutonazisti ridicole e non mi tiro indietro quando si tratta di sfotterle. Ma quando mi capita di leggere roba del genere, che è peraltro solo scimmiottamento di fonti ben più importanti e con interessi ben più comprensibili, io sclero e mi viene voglia di andare sul balcone e tirare un qassam sul ghetto. [3]

Quindi, cortesemente, amici del giornalismo oggettivo e libbberale, se siamo tornati al neoconservatorismo che ci hanno raccontato tutte le sere per tutta la nostra infanzia, [4] almeno risparmiateci gli speciali in memoria della nascita morte e resurrezione di Nelson Mandela, o almeno fatevi due domande su quando si è trasformato da negro terrorista comunista a eroe del liberalismo. (Forse quando gli sono usciti i capelli bianchi?)

 

[1] Ve lo cercate da soli. Qui una graziosa parodia del passaggio più controverso: dewsbury – Kim Jong Un sta davvero cercando di risparmiare i giornalisti de Il Post?

[2] Per i non indiminkia o non romani: I Cani – Le coppie 

[3] Vi invito a prenderla come una battuta di cattivo gusto senza vederci connotazioni più ampiamente antisemite (non è quello che intendo)

[4] Ve le ricordate le bombe intelligenti? Che tempi ragazzi. All’epoca non eravamo ancora esperti di F35 quindi immagino ci apparissero chissà quale figata. Comunque l’estensore dell’articolo qui criticato ha scritto in altra sede un simpatico elogio delle bombe intelligenti che mi ha riportato direttamente a quando avevo 9 anni, quando la Rai mantenne un banner permanente in basso a destra “IRAQ” per non so quante settimane

 

Annunci